Testimonianza Skinpet

VACCARINO 2 pdf (1)-1.jpg

                         amici per la pelle

TESTIMONIANZA N.3

 

Massimo dott. Paolicchi Via Carducci ,145 54100 Massa

 

caso di un coniglio con estesa lesione sulla regione tra le groppa e il fianco sinistro causata da una ferita da strappo/ferforazione della cute in una gabbia di ferro. In esito all'infezione della zona si era formato un ascesso che aprendosi ha determinato una vasta area con assenza di sostanza. Dopo currettage è stato applicato quotidianamente lo SKIN PET sulla parte due volte al giorno , per 10 giorni. Al 12° giorno si è avuta una quasi completa restitutio ad integrum.

43c6ce8bc3c64a0bdc158b123737a63e_edited.
5f4495c5b22b8512cc2273c5e38cd19a_edited.

   In Fede Massimo dott. Paolicchi

0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png

                         amici per la pelle

6-skin Linari schede2-1.jpg

AMBULATORIO VETERINARIO
Dott. LUCA LINARI
V.le Talenti,26
50142 FIRENZE
Dott. DAVIDE SACCHI e Dott.ssa ELISABETTA VANNI
In data 5 settembre 2009 ci viene portato Jerry cane meticcio
maschio di taglia medio piccola,circa 6 anni di età che stava giocando intorno ad una
ruspa di proprietà del padrone che non avendo visto il cane si è messo a lavorare ed ha
inavvertitamente colpito Jerry provocando una lacerazione di tutta la porzione palmare di
entrambe e zampe anteriori, fratturando alcune falangi e alcuni metacarpi.
Il soggetto è stato anestetizzato per poter procedere alla pulizia
delle zampe,sebbene fosse rimasto ben poco dei polpastrelli si è deciso di suturare quello che c'era per cercare di coprire e proteggere al meglio ossa e tendini.
Al soggetto è stata prescritta terapia antibiotica con cefazolina alla dose di 30 mg./Kg.
per via sottocutanea due volte al giorno
e una applicazione giornaliera di "SKIN PET "fitoterapico della
ditta Fito Pet, al momento della medicazione.
Le zampe venivano sistematicamente fasciate interponendo tra
le zampe e le fasce anche delle garze impregnate di fitostimoline.
In circa 40 giorni il cane è tornato in buonissime condizioni, naturalmente dove vi è stata
l'asportazione di falangi la forma delle zampe si è modificata di conseguenza,ma il buon Jerry ha ripreso a camminare correre e saltare.
Riteniamo di aver ottenuto un risultato molto soddisfacente in questo particolare
caso,perché partendo da lesioni così gravi e così estese,sinceramente ci saremmo
accontentati anche di risultati non così eclatanti,e così anche i proprietari non si
aspettavano che il cane riuscisse di nuovo a correre e saltare come fa al momento.
Al momento stiamo utilizzando "SKIN PET "in altri casi su lesioni croniche e recidivanti e
i risultati al momento sembrano essere molto incoraggianti.
Cordiali saluti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                    

 In Fede Dott. LUCA LINARI

0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png

                         amici per la pelle

0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png

Dott.ssa CURCI BENEDETTA
AMBULATORIO VETERINARIO
Via del Tino,5 - 58100 Bagno di Roselle ( GR)
Tel. 0564- 402173

Luglio 2014

Gatto Gigi 3 anni 4 Kg.
Il soggetto viene condotto presso l'ambulatorio a causa di una
ferita lacero contusa nella parte sottostante la coda quasi al confine con il retto.
L'evento risale a 4-5 gg prima ed il soggetto presenta ipertermia (40,7° C ) letargia
ed anoressia.
Ripulito le parti si può constatare come la medesima sia già necrotica per cui si
opta per l'amputazione della coda stessa.
Al momento dell'intervento durante la premedicazione si nota
un rigonfiamento eccessivo di entrambi i testicoli nonché uno

strano sanguinolento a livello anale.
Ad una accurata ispezione si nota che sia all'interno dell'ano come pure all'interno
della borsa scrotale vi sia una colonizzazione massiva di Larve di mosca, che
penetrando all'interno del retto hanno " fistolizato " fino all'interno delle borse
testicolari.
A questo punto si opta per caudotomia e orchiectomia con la rimozione di tutte le
larve presenti.
Segue la terapia con: Baytril 5% 0,4ml X 5 gg

Dexadreson norm 0,4 ml. X 5 gg
Ivomck ( per uso improprio ) 0,2 ml
Medicazione locale 3 volte al di con Skin Pet per via rettale
(5 gg ) e all'interno dello scroto ( 2 gg ).
In 5° giornata il soggetto è stato dimesso. Follow up in 12° giornata e
guarigione completa.

                                                                                      in fede

                                                                     Dtt.ssa BENEDETTA CURCI

                         amici per la pelle

Dott. Mario Sisto Medico Veterinario
P.zza Torino,21
16033- Lavagna (GE)
SKIN PET UTILIZZO: Larve di mosca ( MIASI )
Mi viene portata in ambulatorio una gatta che presentava una grave
disidratazione e una larga ferita tra la base dell'orecchio e la guancia, dove all'interno si evidenziava la presenza di larve di mosca carnaria, che invadevano tutto il tessuto muscolare sottostante. Dopo reidratazione e pulitura del tessuto con cucchiaino di Wolkman, irroro tutta la lesione con Skin pet e massaggio in modo da far penetrare anche in profondità
il liquido. Continuo a fare questo "lavaggio" 2 volte al giorno per 7 giorni, durante i quali la gatta si riprende velocemente,mangia da sola e farle le medicazioni non risulta tanto agevole come all'inizio.
All'ottavo giorno non si evidenziano più larve,il tessuto si sta
gradualmente ricostruendo e si tratta naturalmente di tessuto sano.
In quindicesima giornata ormai si ha solo una piccola ferita che di lì
a qualche giorno si chiude definitivamente.
Lavagna 8 Luglio 2014

 

                                                                                                                                               in fede Dott. Mario Sisto

0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png

                         amici per la pelle

                         amici per la pelle

0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png
AMBULATORIO VETERINARIO
FERRANDELLO Doti.DOGOBERTO
"VialeAppua, 45"
55045- PIETRASANTA (LU)
Tel.:0584 283216

Fase terminale della cicatrizzazione (avvenuta in 45 gg).
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
In data 13 Giugno 2016 ciestata portata ""Zuzzi"",cane meticcio di media taglia, femmina di circa otto anni. Il cane era stato investito da un'auto e lo scontro aveva provocato danni di grave entità alla zampa posteriore destra con uno scollamento di tessuto moIto esteso, perdita di sostanza e
frattura del primo metatarso e della zampa anteriore dx con lacerazione a livello palmare. frattura di alcune falangi e metacarpi. Previa anestesia del soggetto si è proceduto alla pulizia chirurgica della ferita. alla riduzione delle tratture,all'amputazione di alcune falangi e alla sutura per quanto possibile considerando la perdita di sostanza, nel tentativo di proteggere ossa e tendini. II soggetto è stato successivamente trattato con: Cefazolina 30mg/kg. Applicazione locale di Skin Pet (Fitoterapico della FITO PET) per due volte al giorno. applicato al momento della medicazione, interponendo tra la fascia e i tessuti delle garze impregnate con prodotto in oggetto. Considerando la tensione, dopo circa 10 giomi, lungo i margini della sutura c'e stata una deiscenza parziale della ferita. Nei punti interessati si è continuata l'applicazione di "Skin Pet e qui,la guarigione è avvenuta per seconda intenzione."
In 45 giorni circa il cane è tornato in buonissime condizioni, la ferita si è completamente chiusa e la perdita di sostanza colmata. Naturalmente dove vi è stata l'asportazione delle falangi la forma della zampa si è deformata, ma Zuzzi ha ripreso a camminare, correre e saltare."
Considerando la gravita della lesione non ci saremmo aspettati risultati cosi'soddisfacenti.
"Un grosso contribute sicuramenteci è stato dato dall'uso di "Skin Pet" dalla sua straordinaria azione cicatrizzante. Stiamo utilizzando "Skin"
"Pet" in aItri casi,su lesioni croniche e recidivanti ed i risultati al momento sembrano essere moIto incoraggianti."
 
                                                                                                                                         In fede
                                                                                                  Ferrandello Doti. Dagoberto Cecchi Doti. Luciano
2b7e09e2731ee0033603ac43e0f52ff0.jpg

                         amici per la pelle

UTILIZZO DI UN FITOTERAPICO A BASE DI CROTON LECLHER I “SANGRE DE DRAGO” (Skin pet) DELLA DITTA FITOPET NELLA TERAPIA DELLE ULCERE E DELLE FERITE POST CHIRURGICHE NEGLI ANIMALI NON CONVENZIONALI

Screenshot 2021-02-01 at 18.38.44.png

AUTORI

Screenshot 2021-02-01 at 18.39.01.png

Di Ianni Francesco, Universita di Medicina Veterinaria di Parma Dipartimento di Salute Animale

Screenshot 2021-02-01 at 18.39.11.png

Pelizzone Igor, Med Vet, Ambulatorio Veterinario Belvedere (Reggio Emilia)

Introduzione

Con il termine”sangre de drago” si intende una resina che sgorga dalle incisioni effettuate sul tronco di una pianta del genere Croton che cresce nelle zone di deforestazione dell’amazonia come effetto della germinazione secondaria al taglio della foresta. Viene da sempre utilizzata dalle popolazioni locali per le sue sorprendenti capacità cicatrizzanti e curative e rappresenta una coltivazione promettente al fine di tutelare la flora di zone sottoposte a continui insulti da parte dell’uomo e che necessitano di fonti alternative di reddito per evitarne la distruzione.Questa resina contiene al suo interno tre componenti: una componente alcaloidea, di cui la parte preponderante spetta alla tapsina con attività citotossica in vitro ed antinfiammatoria(1), le proantocianoidine ed i lignaniciterpenici che hanno un’azione simile a quella della tapsina e che ne potenziano l’azione cicatrizzante. E’ segnalata un’azione analgesica a livello delle afferenze nervose ed un’attività repellente verso gli insetti e gli ectoparassiti. Negli ultimi anni sono stati innumerevoli i lavori scientifici riferiti alla guarigione delle piaghe e delle ulcere nell’uomo dove da tempo viene utilizzata e commercializzata sia per la sua attività cicatrizzante ed antinfiammatoria sia per l’azione antibatterica(1).

Nel seguente articolo gli autori presenteranno alcuni casi in cui il prodotto si è dimostrato efficace nella terapia di ulcere e ferite negli animali considerati non Convenzionali. L’autore riporta casi di animali appartenenti a differenti specie per suggerire l’utilizzo di prodotti alternativi ai farmaci normalmente utilizzati e considerati altrettanto efficaci.

CASO 1

Una tartaruga della specie Testudo marginata viene consegnata al centro recupero animali selvatici con un’evidente lesione sul carapace dovuta probabilmente ad un incidente con un mezzo agricolo. La lesione interessa tutto il tessuto corneo della porzione superiore del carapace a livello degli scuti dorsali ed appare molto profonda (Fig 1).

Dall’esterno è visibile il peritoneo con i tipici movimenti dovuti agli atti respiratori. La ferita risale a 48 h prima della visita e si presenta contaminata da detriti di terra, erba e schegge di tessuto carapaciale.

I margini sono frastagliati ed alcune parti sono mobili ma connesse al tessuto circostante. La ferita viene lavata con soluzione fisiologica sterile a caduta e viene effettuato un leggero massaggio con una garza sterile in modo da rimuovere i detriti più importanti.

La lesione viene asciugata e trattata con la resina di Croton Lecheri(fig 2).

Non si ritiene opportuno effettuare una copertura antibiotica sistemica prendendo in considerazione lo stato di salute generale dell’animale.

Il trattamento viene ripetuto a giorni alterni per tre volte e viene valutato e documentato il processo di guarigione(fig 3).

Dopo 5 giorni la lesione appare rivestita da uno spesso strato di tessuto di granulazione e 2

l’animale desta in buone condizioni di salute anche se non ha ancora cominciato ad alimentarsi spontaneamente. Si consiglia una stabulazione indoor visto l’approssimarsi della stagione invernale. A distanza di 4 mesi l’animale si alimenta spontaneamente ed il processo di guarigione sembra essere completo(fig 4).

La prognosi appare buona

Screenshot 2021-02-01 at 18.39.27.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.39.35.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.39.43.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.39.51.png

CASO 2

Un ratto femmina delle specie Rattus norvegicus è visitato per un gonfiore a livello addominale. Alla visita clinica l’animale del peso di 230 grammi e di tre anni d’età, presenta una neoformazione a livello della prima mammella toracica All’esame ecografico si evidenza uno stato patologico riferibile ad adenoma. Si decide per l’asportazione chirurgica e l’analisi istologica della massa. La premedicazione viene eseguita con Butorfanolo 0,3 mg per Kg e metedomidina 20 microgrammi per chilogrammo e l’animale viene indotto con isofluorano tramite maschera e mantenuto con isofluorano al 3 % (Fig5) .

La massa viene asportata chirurgicamente e la ferita viene aspersa con resina di Croton (Fig6). Non si effettua nessuna terapia antibiotica. L’animale viene ricontrollato 24 h dopo l’intervento e si procede ad una seconda applicazione di resina. Non sono state necessarie altre applicazioni perché il risultato ottenuto è stato soddisfacente. La ferita seppur di notevoli dimensioni appare completamente guarita e non infetta( fig7 ).

Screenshot 2021-02-01 at 18.40.06.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.40.13.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.40.20.png

CASO 3

Un’anatra muta bianca della specie Cairina Moschata, femmina di tre chilogrammi e di un anno di età viene portata in Ospedale Veterinario dopo aver subito l’aggressione di un cane. L’animale versa in buone condizioni generali ma presenta numerose lesioni lacero contuse e una grossa ferita sotto l’ala destra con mancanza di tessuto cutaneo(fig 8).

L’animale viene indotto in anestesia generale con isofluorano al 5 %, intubato e mantenuto con isofluorano al 3-4%. Le lesioni cutanee vengono suturate con filo riassorbibile. La lesione principale vista la mancanza di cute è aspersa con la resina del Croton lechleri e viene rivalutata il giorno successivo(fig 9).

Il risultato è ottimo dopo la prima visita e si decide per una seconda visita a distanza di 24 h. La lesione appare ridotta e con una cicatrizzazione ottimale, non infetta nonostante le precarie condizioni igienico sanitarie in cui il paziente è stabulato . L’animale si alimenta spontaneamente. Dopo 10 giorni la cute appare perfettamente rigenerata(fig 10).

Screenshot 2021-02-01 at 18.40.32.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.40.40.png
Screenshot 2021-02-01 at 18.40.48.png

DISCUSSIONE

L’effetto cicatrizzante di questo prodotto naturale si somma a quello antibatterico e a quello repellente per tutti i tipi di insetti, comprese le mosche. La resina inoltre forma una barriera fisica perché seccando si indurisce proteggendo la lesione. Nei casi riportati si è notata una rapida ed efficace guarigione con un processo di cicatrizzazione molto rapido anche senza l’uso di una copertura antibiotica e senza l’utilizzo dei normali disinfettanti.

  

4

BIBLIOGRAFIA

- 1 Miller MJS, Vergnolle N, McKnight W, Musah RA, Davison CA, Trentacosti AM, Thompson JH, Sandoval M and Wallace JL (2001): Inhibition of Neurogenic Inflammation by the Amazonian Herbal Medicine Sangre de Drago.

Journ. of Investigative Dermatology, 117(3), 725-730.

 

 

 

 

CLINICA VETERINARIA MELOSI
VIA CIRCOVALAZIONE,25
57023  CECINA

 

JERRI CANE SPINONE DI 10 MESI
Il soggetto si è  presentato a visita con una Miasi a livello della bocca orizzontale della mandibola.
Oltre  la ferita in filmato,di notevoli dimensioni,erano presenti dei piccoli raggruppati di larve di mosca sottocutanei,privi di soluzione di continuo con l'esterno.
L'applicazione del fitoterapico SKINPET in monoterapia sulle larve,ne ha favorito la rimozione dalla lesione e,in prticolare,ha permesso la fuoriuscita di quelle che annidate nel sottocute, erano di più difficile  estrazione.
Sono molto soddisfatta del prodotto Skinpet che già  conoscevo per averlo applicato  con successo in altri casi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DISCUSSIONE

L’effetto cicatrizzante di questo prodotto naturale si somma a quello antibatterico e a quello repellente per tutti i tipi di insetti, comprese le mosche. La resina inoltre forma una barriera fisica perché seccando si indurisce proteggendo la lesione. Nei casi riportati si è notata una rapida ed efficace guarigione con un processo di cicatrizzazione molto rapido anche senza l’uso di una copertura antibiotica e senza l’utilizzo dei normali disinfettanti.

  

4

BIBLIOGRAFIA

- 1 Miller MJS, Vergnolle N, McKnight W, Musah RA, Davison CA, Trentacosti AM, Thompson JH, Sandoval M and Wallace JL (2001): Inhibition of Neurogenic Inflammation by the Amazonian Herbal Medicine Sangre de Drago.

Journ. of Investigative Dermatology, 117(3), 725-730.                      

                                                                                                                    Cecina 04/10/2021

                                                                                       

                            Dott. ssa GIULIA SARRI.

Gentile Sig.Mortara,

sono Francesco Ponticelli del Centro Veterinario Campo di Marte. Le invio il riassunto con foto di un caso di ferita cutanea a livello del garretto complicata da frequente leccamento in un cane trattata con skinpet.

 

Cane meticcio di 14 anni, femmina sterilizzata portata a visita per ferita cutanea sul margine volare del garretto sinistro di incerta origine, ingravescente e con scarsa cicatrizzazione a causa del frequente autoleccamento della stessa. Dopo curettage chirurgico e disinfezione si opta per una cicatrizzazione per seconda intenzione vista l'ampiezza della perdita di sostanza e la contaminazione dovuta al leccamento. Vista inoltre la difficoltà del proprietario nell'applicazione di cerotti e bendaggi si decide di trattare mediante disinfezione e applicazione di "SKIN PET" due volte al giorno. La guarigione della ferita e la riepitelizzazione della barriera cutanea si è avuta in circa 40 giorni. Durante il trattamento il cane mostrava poco/scarso interesse verso la ferita e anche gli episodi di leccamento si sono notevolmente ridotti, a conferma della riduzione del processo infiammatorio e del fastidio connesso. Il proprietario si è dichiarato più volte estremamente soddisfatto del prodotto e dai miglioramenti ottenuti. Da un punto di vista medico sono rimasto molto soddisfatto dagli esiti della terapia considerando la gestione della ferita in aperto e i conseguenti rischi di accumulo di sporcizia, sviluppo di infezioni e possibile leccamento a cui la stessa era sottoposta. 

                                                                                           

 

 

1                                         2

                                                                                

                                                                                                                                                           

 3                                                4                                                                       

                                

                                                                                                       

 

 

                                                                                       Dottor Francesco Ponticelli,

                                                                           Centro Veterinario Campo di Marte, Livorno

 

 TRATTAMENTO CARAPACE LESIONATO CON SKINPET

 La tartaruga  si presenta alla visita con una lesione a livello del carapace.  Il trauma riportato è stato     causato da un tosaerba.  
È stato medicato e successivamente  applicato lo skinpet qui in ambulatorio.  Consigliato di continuare  ad applicare suddetto prodotto  anche a casa.

        GIORNO 1                     GIORNO 3                            GIORNO 4                     GIORNO 16       

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

         TARTARUGA POST GUARIGIONE              

Clinica Veterinaria

Dott.ssa Pratelli A. Dott. Atualli F.

Via Dell'ordine di S.Francesco,($

Marina di Pisa

                                  

                         amici per la pelle

Screenshot 2021-02-01 at 18.38.44.png
0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png

                         amici per la pelle

seconda foto, a 8 giorni.jpeg
prima foto, visita.jpg
terza foto, a 25 giorni.jpg
ultima foto, a 40 giorni.jpeg
image-2.jpg
0cd91b57cb8c6a59e08668be84d60142.png
Miasi MelosiArtist Name
00:00 / 00:32

                         amici per la pelle

WhatsApp Image 2022-05-17 at 18.08.02.jpeg
WhatsApp Image 2022-05-17 at 18.08.03.jpeg
WhatsApp Image 2022-05-17 at 18.08.03 (1).jpeg
WhatsApp Image 2022-05-17 at 18.08.04.jpeg

                         amici per la pelle

0a2d102b-ae9c-476c-903c-d6d7051a575d (2).jfif
image-2.jpg